Dal 13 al 21 marzo, presso il Teatro della Pergola di Firenze, verrà messo in atto “Il Piacere dell’onestà”, spettacolo realizzato riprendendo la novella di Pirandello “Tirocinio” del 1905 e recitata la prima volta nel 1917 a Torino dalla compagnia di Ruggero Ruggeri; il 23 marzo avverrà anche un’altra serie di rappresentazioni presso il Teatro Era di Pontedera. Lo spettacolo è una produzione Gitiesse Artisti Riuniti e Fondazione Teatro della Toscana, diretto da Liliana Cavani.

Angelo Baldovino, un uomo fallito e senza morale, viene incaricato di sposare per finta Agata, l’amante del Marchese Fabio Colli, di cui è rimasta incinta, questo  per salvaguardare la rispettabilità della donna e, allo stesso tempo,  consentire che la relazione tra i due amanti possa continuare. Un lavoro alquanto squallido per Baldovino, che invece mette tutto il suo impegno e la sua dedizione per poterlo eseguire al meglio, dimostrando non solo di non essere senza morale, ma anzi, di averne più di tutti gli altri personaggi dell’opera.

Il personaggio di Baldovino venne definito da Pirandello stesso “una mostruosa maschera grottesca che alla fine diventa un volto rigato di lagrime”, tema molto caro all’autore, quello delle maschere. In tal senso lo spettacolo si può considerare un perfetto esempio di storia pirandelliana, che viene reso più intrigante grazie al lavoro dell’attore che svolge il ruolo di Baldovino, Geppy Gleijeses, attore di fama ormai consolidata, che afferma: “per la costruzione del personaggio mi sono attenuto, dal punto di vista dell’interpretazione, a quello che faccio sempre: cerco di non dare al pubblico tutte le risposte, senza spiegare o definire troppo il tipo di recitazione. Il pubblico è costretto così a scoprire e capire fino in fondo la psicologia di Baldovino, un nobile decaduto, ma di cui nessuno conosce il passato e neanche Pirandello stesso ne svela l’essenza. È un po’ come se avessi tentato di tenere avvolto il personaggio in un bozzolo misterioso.”  Nei panni di Agata Vanessa Gravina.

“Dopo essere stato disonesto tutta la vita, per il mio personaggio, Angelo Baldovino, finalmente il termine ‘onestà’ acquisirà una valenza significativa” continua Gleijeses; questo ci fa capire l’importanza dell’onestà e ci svela una forte critica fatta alla nostra società, cioè il nascondersi dietro a maschere ed allontanare il più possibile le persone oneste, che porterebbero a svelare le colpe di queste persone “mascherate”.

13 – 21 marzo | Teatro della Pergola

(ore 20:45, domenica ore 15:45, riposo giovedì 15 e lunedì 19 marzo)

23 marzo | Teatro Era

(ore 21)

Gitiesse Artisti Riuniti, Fondazione Teatro della Toscana

Geppy Gleijeses, Vanessa Gravina

IL PIACERE DELL’ONESTÀ

di Luigi Pirandello

con Leandro Amato, Maximilian Nisi, Tatiana Winteler, Giancarlo Condè, Brunella De Feudis

scene Leila Fteita

costumi Lina Nerli Taviani

musiche Teho Teardo

luci Luigi Ascione

assistente alla regia Marina Bianchi

regia Liliana Cavani

 

personaggi e interpreti

Angelo Baldovino Geppy Gleijeses

Agata Vanessa Gravina

Maddalena, sua madre Tatiana Winteler

Il Marchese Fabio Colli Leandro Amato

Maurizio Setti, suo cugino Maximilian Nisi

Il Parroco Giancarlo Condè

Una cameriera Brunella De Feudis

 

Durata: 1h e 40’, atto unico