Didacta 2018, una delle Fiere più rinomate a Firenze, si è incentrata anche sull’ alimentazione. Alcuni istituti (agrario e alberghiero) hanno presentato ma soprattutto offerto i loro prodotti, non si può dire che la gente non abbia apprezzato…  in particolare Venerdì 19 ottobre!

 A pubblicizzare le loro specialità erano le scuole Angelo Vegni (istituto Agrario di Cortona),  il Bettino Ricasoli (istituto Agrario di Siena)  e il Bernardo Buontalenti (istituto alberghiero Firenze). Esperti studenti hanno sia prodotto che presentato tutto ciò che alla fiera era presente della loro produzione. Venerdì un delizioso buffet è stato  preparato principalmente  dalla scuola Ricasoli. I ragazzi, oltre a dedicarsi alla vendita dei loro vini, hanno offerto piccole porzioni di pappa al pomodoro, bruschette (condite in vari modi), spiedini di frutta ricoperti di cioccolato,  cocktail (rigorosamente analcolici)  e molto altro.  Le persone, che lì non son venute per mangiare, sono state piacevolmente sorprese al punto tale che nel momento in cui il buffet è iniziato le altre attività si sono svuotate. La folla creata rendeva quasi impossibile raggiungere gli stuzzichini tanto desiderati; alcuni pur di non rinunciare al piacere del cibo si facevano spazio a forza di spintoni mentre altri meno fiduciosi rinunciavano.

Ovviamente del buffet ne sono rimasti solo gli avanzi. Gli istituti oltre ad aver reso le persone soddisfatte , sono stati contenti che così tanta gente fosse stata entusiasta davanti a quel cibo… e come non esserlo? 

Inoltre si sono dimostrati disponibili a rispondere ad alcune domande:

In quali prodotti siete specializzati?

[Istituto Agrario Ricasoli, Siena]

Asia Poggi:

Siamo specializzati  principalmente nel vino: abbiamo quattro tipologie di rosso, un bianco  e un rosato. Ci dedichiamo anche all’ olio e agli ortaggi  che però non abbiamo portato alla Fiera, abbiamo preferito privilegiare il vino.

 [Istituto Agrario Angelo Vegni, Cortona]

Chiara Traversini:

Produciamo nell’ azienda all’ interno della nostra scuola vini che hanno al 100% una specifica tipologia di uva (Sangiovese, Syrah, Chardonnay, Merlot e il Grechetto) mentre altri derivano da più tipi di uva mescolate. I più apprezzati sono il nostro Syrah, ha vinto il premio “Bacco e Minerva” 2017 , e lo Chardonnay. 

[Istituto Alberghiero Buontalenti , Firenze] 

Prof. Maria Francesca Cellai, dirigente scolastico

Di olio, vino, salumi e formaggi tutto rigorosamente toscano. Ci preoccupiamo che i prodotti  siano di qualità e che facciano bene all’ economia. 

Ogni studente si specializza in qualcosa di diverso? Qual è il vostro ruolo? 

[Istituto Agrario Ricasoli, Siena]

Asia Poggi:

Noi studenti partecipiamo attivamente alla produzione del vino: eseguiamo la potatura, la raccolta, lo imbottigliamo e facciamo la vendemmia. Tramite le ore di scuola- lavoro aiutiamo anche gli addetti specializzati nella produzione del vino ma abbiamo esperienza anche nella raccoglitura dell’ olive con le quali realizziamo l’ olio. 

[Istituto Agrario Angelo Vegni, Cortona]

Chiara Traversini:

L’ istituto ha tre indirizzi diversi: produzione e trasformazione (s’ incentra soprattutto su prodotti animali e vegetali), corso di gestione ambiente e territorio e il corso di enologia. 

[Istituto Alberghiero Buontalenti , Firenze] 

Prof. Cellai:

Non c’è una vera e propria specializzazione, lo studente può frequentare uno dei tre settori che offriamo: gastronomia (arte della cucina), sala vendita (saper comportarsi a tavola, essere accoglienti) o nel ricevimento. 

Ciò che producete viene anche venduto?

  [Istituto Agrario Ricasoli, Siena]

Asia Poggi:

Sì, siamo in collaborazione con le coop locali nelle quali si promuovono i nostri prodotti (specialmente il vino) e con un ristorante di Livorno che usufruisce della nostra merce in minore quantità.

 [Istituto Agrario Angelo Vegni, Cortona]

Chiara Traversini:

La nostra cantina ha vari contatti sparsi  nel territorio toscano e umbro: forniamo a ristoranti, fiere e banchetti. Abbiamo inoltre un punto vendita all’ interno della scuola. 

[Istituto Alberghiero Buontalenti , Firenze] 

Prof. Cellai:

No, i prodotti che utilizziamo sono acquistati.  

Quali sono i vostri obiettivi una volta finite le superiori? 

 [Istituto Agrario Ricasoli, Siena]

Asia Poggi:

Solitamente i neodiplomati di questo istituto frequentano l’ università di agraria mentre per i ragazzi che hanno seguito il corso di enologia è possibile frequentare un anno di specializzazione nella produzione del vino.

[Istituto Agrario Angelo Vegni, Cortona]

Chiara Traversini:

La maggior parte degli alunni della nostra scuola ha la propria attività gestita dalla famiglia, cominciamo quindi a lavorare immediatamente per la nostra azienda.  

Quali sono le vostre impressioni su Didacta?

[Istituto Agrario Ricasoli, Siena]

Asia Poggi:

Sicuramente una bella esperienza, organizzata molto bene. Ci ha permesso di pubblicizzare i nostri prodotti e la scuola, abbiamo infatti raccolto più fondi per dedicarci alla nostra passione.

 [Istituto Agrario Angelo Vegni, Cortona]

Chiara Traversini:

Abbiamo partecipato a questa fiera per far conoscere il nostro vino anche a Firenze, è stata una bella esperienza perché ci ha permesso di confrontarci con persone esperte in quest’ ambito che hanno apprezzato i vini.

[Istituto Alberghiero Buontalenti , Firenze] 

Prof. Cellai:

Sono molto entusiasta di questo progetto; Didacta prima veniva organizzato solo in Germania mentre adesso per un contratto di cinque anni siamo riusciti ad averlo anche in Italia.  E’ un’ occasione formativa notevole sia per i docenti che per gli alunni , può essere considerata una vetrina per mostrare ciò in cui s’ impegna la scuola durante l’ anno. Inoltre quest’ anno Didacta è stata dedicata principalmente al cibo, di conseguenza noi dell’ istituto alberghiero abbiamo preparato un buffet per l’ occasione.