Il giorno giovedì ventinove Novembre dalle ore 17:30 alle ore 19:30  si è svolta al Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci l’inaugurazione dell’associazione amici del Liceo Scientifico Leonardo Da Vinci di Firenze. L’associazione è nata con lo scopo di svolgere e sviluppare i rapporti fra gli ex studenti con altri ex studenti o con docenti e studenti attuali allo scopo di realizzare uno scambio d’idee e di progetti riguardanti la scuola e il mondo del lavoro. Numerose le presenze: ex alunni di tutte le annate, autorevoli esponenti delle istituzioni come l’onorevole Gabriele Toccafondi, sottosegretario alla Pubblica Istruzione nella precedente legislatura, il presidente del Consiglio Regionale della Toscana Eugenio Giani; inoltre autorevoli rappresentanti di istituzioni culturali e della società civile. La serata (che ha visto come presentatore Niccolò Nigi dello staff LeoMagazine) comincia con l’introduzione della dirigente scolastica Donatella Frilli: «Credo che sia i ragazzi che i genitori che i docenti mi siano vicini e che lavorino con me tutti i giorni ed è da questa sensazione che è nata la decisione di creare quest’associazione a cui sono molto affezionata, poiché vorrei che si creasse proprio un ponte nel tempo e nel territorio tra quelli che sono passati e quelli che stanno attualmente frequentando la scuola». Interviene poi il presidente dell’associazione Alberto Macchiarini: «Il nostro scopo è quello di creare questo ponte fra l’interno della scuola e ciò che è esterno alla scuola, cioè di rendere l’edificio “aperto” togliendolo da quella dimensione di chiusura in se stesso che viene spesso attribuita agli istituti scolastici, il nostro obiettivo è inoltre quello di creare uno scambio di idee e di iniziative attraverso questo collegamento fra passato e presente». Dopo la lettura teatrale “Sguardi di guerra in tempo di pace”, segue poi l’intervento dell’onorevole Gabriele Toccafondi, segretario della commissione cultura, scienza e istruzione: «La scuola è un vero e proprio percorso di crescita, si diventa grandi e ci si forma la coscienza critica all’ interno di essa. Quella dei vecchi studenti che si rincontrano è un’iniziativa bella e tutta Italiana. Questa importanza attribuita a quei cinque anni di superiori deriva dal fatto che essi non sono stati mai banali. A decenni di distanza ci si continuerà infatti, a ricordare dei compagni e di quei docenti che ci hanno lasciato qualcosa in più. Ed il vostro ritrovarvi qui a distanza di anni per aiutare gli studenti di oggi è la dimostrazione che la scuola va oltre i puri e semplici concetti che insegna». Interviene poi Simone Orlandini Membro del consiglio dell’Accademia dei Georgofili: «un altro obiettivo attuale dell’associazione è la restaurazione del museo di fisica e scienze naturali della scuola, che viene ogni anno visitato da molti enti esterni a quest’ultima vista la sua grande completezza, che cercheremo quindi di riportare in vita». Continua poi il Dottor Marco Bottino Presidente del Consorzio di Bonifica del medio Valdarno e presidente dell’ANBI toscana che racconta della sua esperienza all’interno del Liceo e delle molte iniziative che potranno nascere tra la scuola e appunto l’ANBI. La parola passa alla Dottoressa Marina Lauri dell’ANCI, che parla di possibilità di collaborazione nell’ambito d’iniziative anche della scuola-lavoro dell’ANCI con il Liceo. Conclusa infine la parte degli interventi, la Dirigente Scolastica parla di quella che è stata la molla definitiva per far partire il progetto associazione: il cinquecentesimo anniversario della morte di Leonardo Da Vinci che avverrà nel 3 di Maggio 2019 e per il quale il liceo prevede alcune importanti iniziative. Dopo le esibizioni della Leoband , il mitico complesso musicale del Da Vinci con i suoi suonatori e le sue voci soliste davvero degne … di nota, viene il turno del rinfresco augurale a base di panettone e spumante (da molti indubbiamente aspettato con ansia), ed è con questo dolce saluto che l’evento giunge al termine.