Una violenta ondata di maltempo ha flagellato nei giorni scorsi il Centro e Nord Italia.

L’episodio più tragico si è verificato in un campeggio di marina di Massa, in Toscana, dove una tromba d’aria ha causato la caduta di diversi alberi, uno dei quali si è abbattutto su una tenda uccidendo due sorelline di 3 e 14 anni. Ferito anche il fratellino di 9 anni e la sorella maggiore di 19. Si trovavano anche loro nella tenda travolta. Illesi i genitori che alloggiavano nella tenda adiacente. La Procura di Massa e Carrara ha aperto un’inchiesta sulla caduta dell’albero.

Proseguono anche oggi le ricerche del 38enne disperso nel Varesotto, si trovava con un amico vicino al lago Delio è stato trascinato via da un torrente ingrossato. Le ricerche sono proseguite tutto il giorno interrotte solo a sera visto che si trattava di una zona molto impervia. 

A Verona le squadre di soccorritori sono state impegnate in due missioni per il soccorso di due persone finite nel fiume Adige. Le ricerche delle due persone disperse sono tuttora in corso nonostante l’intervento immediato dei vigili del fuoco.

In provincia di Bergamo un uomo è stato colpito da un fulmine. Pioggia e vento forte hanno causato ingenti danni.

Molti gli allagamenti che hanno coinvolto le abitazioni ed i negozi delle province di Bergamo e Brescia. Il vento ha causato la caduta di molti tralicci elettrici e lo scoperchiamento di capannoni industriali

Anche in Veneto ed in Trentino Alto Adige la situazione è critica. Diverse frane e smottamenti hanno bloccato l’autostrada del Brennero in una giornata critica per il traffico vacanziero.

Anche la ferrovia che da Bolzano raggiunge il confine austriaco è stata bloccata a causa di una frana.

In Veneto, i fortissimi nubifragi, oltre ad arrecare disagi  nelle città e nelle campagne, hanno causato gravi danni all’economia della regione per l’allagamento di diverse zone vinicole proprio nei giorni precedenti la vendemmia. Il Governatore della Regione Veneto ha proclamato lo stato di calamità chiedendo aiuti al Governo.

L’ondata di maltempo ha colpito anche il litorale marchigiano, molti gli interventi dei vigili del fuoco per gli alberi abbattuti e gli allagamenti.

Ad Ancona una violenta grandinata ha causato molti danni alle auto in sosta e alle vetrate di negozi e abitazioni.

Due giorni molto difficili dopo due mesi di caldo intenso.

Nonostante la perturbazione fosse stata prevista dai meteorologi purtroppo non sempre riusciamo a prevenire i danni.

Il clima sta cambiando molto rapidamente.Forse dovremmo preoccuparci di essere meno invasivi nei confronti della natura e dell’ambiente che ci circonda.

Speriamo non sia troppo tardi!

0 0 vote
Article Rating