È nato, è cresciuto e oggi si erge come un progetto fatto e finito: il Cazza di Sicurezzo, di cui vi abbiamo già parlato in un nostro articolo estivo (http://www.leomagazineofficial.it/2017/08/09/un-fallo-per-amico-no-non-e-un-porno-ma-una-grande-invenzione/) è ormai diventato realtà. Dopo aver infatti raggiunto e superato la cifra per la realizzazione richiesta (che ancora oggi ammonta a 15.781 Euro), il pratico fallo è stato spedito in ogni zona d’Italia a tutti i sostenitori del progetto. Appartenete forse a quella fetta di persone che non hanno creduto fin dal principio in un progetto che si sviluppava attorno a una mazza di gomma, e adesso volete rimediare al vostro errore di sfiducia? Beh, Quei Due sul Server, i fondatori dell’iniziativa, vi offrono la possibilità di farlo. Sono infatti tutt’ora aperti i preordini per il Cazza di Sicurezzo: Limited Edition sul sito di Crowdfunding Ulule. Ma quali sono le sostanziali differenze di questa Limited Edition rispetto al suo grande predecessore? Beh, sturatevi bene le orecchie, perché questa notizia vi lascerà senza parole: è esattamente uguale! Un’idea geniale per promuovere l’acquisto di un oggetto così sorprendente! Non solo, ma per l’occasione è stata creata una nuova canzone natalizia fatta appositamente per questa nuova versione della mitica verga. Qui sotto vi riportiamo il testo di “Natale con il Cazza:

Costan poco ma

ti assicuro che

non ti pentirai

e ne vorrai tre!

Guarda che design

e che elegantità

la cometa e l’angioletto

stanno a rosica’!

Ca-ca-ca

ca-ca-ca

zza di sicurez!

Il natale con il Cazza ti sorriderà!

Ah!

Ca-ca-ca

ca-ca-ca

cantalo di più!

Con la neve e con il Cazza

un figo sembri tu!

Guarda quel barbun

fermo se ne sta

sulla strada lì

senza un cazzafà!

tu lo puoi schernir

lo puoi stuzzicar

non perché è un barbone

ma perché un Cazza non ha!

Ca-ca-ca

ca-ca-ca

zza di sicurez!

Il natale con il Cazza ti sorriderà!

Ah!

Ca-ca-ca

ca-ca-ca

cantalo di più!

Con la neve e con il Cazza

un figo sembri tu!

Qui si scherza sai

non ci crederai

con il Cazza sei

buono più che mai!

Gli altri aiuterai

perché è giusto ma

se non hanno il Cazza

fa lo st***zo più che mai!

Ca-ca-ca

ca-ca-ca

zza di sicurez!

Il natale con il Cazza ti sorriderà!

Ah!

Ca-ca-ca

ca-ca-ca

cantalo di più!

Con la neve e con il Cazza

un figo sembri tu!

Auguri bambini.

Se volete supportare il progetto e assicurarvi la vostra copia del Cazza, potete farlo a questo link: https://it.ulule.com/cazza-di-sicurezzo-limited-edition/

E ricordate: quest’anno, a natale, regalate un Cazza!

Ebbene, fin dall’inizio questa grande opera goliardica appariva come una perdita di tempo, fatiche e se proprio vogliamo anche materia grigia. Rimane infatti ancora adesso una grande boiata, nata per scherzo, ma da dei personaggi pubblici con un supporto non indifferente. E questo supporto è stato talmente concreto da poterlo quasi toccare, dato che la raccolta fondi è stata superiore al 150% delle aspettative. Sarebbe sicuramente meglio se fondi simili fossero impiegati in modo più costruttivo, ma nella sua stupidità il Cazza di Sicurezzo ha avuto una vera ragione d’esistere, in fondo. Infatti, dopo poco meno di un mese dalla nascita del progetto, durante l’attentato a Barcellona del 17 agosto, è morto Bruno Gulotta, responsabile marketing e vendite di Tom’s Hardware, Network di cui anche Quei Due sul Server fanno parte. Per poter venire incontro alla difficile situazione che hanno dovuto vivere la moglie e i due figli di Bruno, lo staff di Tom’s ha indetto una raccolta fondi. Qui vi riportiamo un post fatto il 18 agosto, sempre da Quei Due sul Server:

“Prendete un po’di tempo per leggere.

Bruno, voi non lo conoscevate, ma lavorava in Tom’s Network (il nostro netwok Youtube). Purtroppo ha perso la vita nell’attentato a Barcellona e lascia un vuoto incolmabile e due figli piccoli, il più grande dei quali lo ha visto mentre veniva travolto e ucciso dal furgone del terrorista.

Ogni attentato colpisce nel profondo. Questo ci ha colpito al cuore. Siamo vicini ad ogni vittima, ad ogni famiglia e vorremmo fare qualcosa per ognuno di loro, ma al momento ci preme aiutare un amico, che è sempre stato disponibile per noi e per farlo, oltre alla nostra donazione, abbiamo deciso di donare parte dei proventi del Cazza di Sicurezzo alla famiglia di Bruno (nel qual caso vada a buon fine la raccolta fondi e tolte le tasse, spese di spedizione e di produzione… siamo coscienti ci rimarrà ben poco ma è quello che riusciamo a fare nel nostro piccolo).

Sappiamo che doveva essere una cosa goliardica, divertente, senza utilità e per questo ci scusiamo con voi. A quanto pare per qualcuno l’utilità l’avrà.

Se volete aiutare la famiglia di Bruno potete farlo direttamente in basso o sostenendo il Cazza di Sicurezzo qui: http://bit.ly/2vdVdTR

Grazie per l’attenzione.”

Questo dimostra come, anche idee apparentemente prive di scopo se non quello di scherzare in coro, possono trovare la loro utilità. Speriamo solo che questa volta non ci sia bisogno di dare un senso a questa “minchiata” (passatemi il termine, visto l’argomento) ma che rimanga tale, visto che abbiamo assistito a fin troppi attentati.