Dario Moccia, Twitch, intrattenimento continuo.

Twitch è la piattaforma di streaming live, attualmente più famosa ed utilizzata, con migliaia di utenti che ogni giorno guardano i propri canali preferiti trasmettere in diretta. Twitch nasce nel 2011 principalmente come piattaforma dove streammare videogiochi in tempo reale ma si evolve velocemente, andando a creare nuove categorie come il “Just Talking” o “Quattro Chiacchiere”, dove lo streamer semplicemente parla ed interagisce con la chat. È proprio la chat ad essere il principale punto di forza di Twitch, permettendo di creare assieme a “Sub” e donazioni, un dialogo costante tra il pubblico e l’intrattenitore. Rendere partecipe lo spettatore tramite la chat, permette non solo di avere un Feedback in tempo reale ma anche di movimentare e cambiare la trasmissione e far sentire lo spettatore parte integrante di essa. Il principio è lo stesso che fu applicato introducendo nei programmi televisivi le telefonate dal pubblico, ma applicato in scala maggiore, infatti la possibilità di condividere le proprie idee o opinioni, o anche semplicemente salutare lo Streamer e ricevere una risposta, attira l’attenzione, emoziona e fidelizza lo spettatore. Spettatore che non è più così distante da chi lo intrattiene, infatti la figura dello Streamer, per quanto spesso ci si avvicini, è molto diversa da quella di un attore o di un presentatore, per certi versi è meno professionale ma sicuramente si avvicina molto di più al pubblico, aprendosi e comportandosi quasi come se fossero a giocare o al bar con gli amici. È proprio su questa purezza ed apertura che si basa il canale di DarioMocciaTwitch.

Dario Moccia, è uno dei primi ad approcciarsi a Youtube in Italia già dal 2009, creando contenuti sulle proprie passioni come Pokémon, anime e fumetti. Ottiene subito successo grazie alla sua genuinità, e passione che utilizza per creare video, in cui è privo di filtri e fa permeare tutta l’emozione, la gioia e la voglia di divertirsi di un ragazzo, ma anche il rispetto e l’amore per opere che lo hanno segnato. Questa genuinità è adesso la colonna portante del suo canale Twitch, unico nel suo genere, perché difatti privo di genere o categoria. Dario Moccia porta sul suo canale se stesso, le sue passioni, la sua vita, ed i suoi amici. Dario trasmette di tutto, alternando i game-play alle reaction, le interviste alle serate in chiamata con ospiti o amici, gli aneddoti sulla propria “gioventù” a semplici chiacchierate con la chat. Intorno a lui si è creato poi un inseme di personaggi, amici o altri Streamer, che formano un vero ecosistema definito “Lore”, a cui gli spettatori si affezionano e che permettono di avere forme di intrattenimento continue e sempre nuove. Sul canale di Dario Moccia possiamo trovare un ambiente spensierato in cui passare una bella serata, dove magari non usciamo e abbiamo bisogno di compagnia o ci vogliamo semplicemente divertire. Ma perché limitarsi a una serata? È in risposta a questa domanda che nascono le maratone, live non stop caratterizzate da un timer che aumenta ogni qual volta uno spettatore dona o si “subba”, creando dirette di giorni, o addirittura settimane rese possibili da i membri della Lore e moltissimi ospiti. Proprio lunedì 24 ne è cominciata una, la Maratona Desolante, la prima a non essere improvvisata e ad avere un programma, ricco di ospiti e attività interessanti per tutti i gusti, dal momento in cucina, alla diretta con un vecchio professore di Dario o addirittura l’intervista al regista di Gatta Cenerentola. Le maratone sono momenti unici, che ci permettono di capire la direzione che l’intrattenimento virtuale sta prendendo, infatti, la maratona, non è molto dissimile, da un canale televisivo, con rubriche, ospiti ed eventi, con la differenza che lo spettatore può oltrepassare lo schermo che lo separa dallo Streamer, e soprattutto non ci sono limiti. Infatti, se un giorno un presentatore decidesse di ubriacarsi in diretta e trasformare il suo quiz televisivo in un quiz alcolico, verrebbe licenziato, oppure se al TG un giornalista volesse esprimere la propria opinione sulla notizia non potrebbe farlo, o ancora se qualcuno volesse portare un proprio programma in TV, probabilmente sarebbe ostacolato per mille motivi come dover mantenere un immagine della rete che lo trasmette, ed il programma verrebbe profondamente modificato. Su Twitch, si può essere, chi si vuole, come lo si vuole(rispettando le sensibilità altrui), ed in contemporanea portare però contenuti seri e professionali, un esempio di ciò è Francesco Fossetti, autore della testata giornalistica videoludica Everyeye e ormai membro a tutti gli effetti della Lore di Dario Moccia. Il “Fossa” è una figura molto professionale quando si tratta di trasmettere sul canale di Everyeye ma quando è ospite di Dario si lascia andare permettendo agli spettatori di trovare nel ragazzo serio che seguono quando parla di videogiochi, una persona in carne ed ossa, a cui piace scherzare, cucinare e affrontare quel gioco che magari a recensito, come una sfida alcolica totalmente degenerata assieme a Dario ed altri streamer, come Sabaku no Maiku, altra figura altamente professionale nel trattare videogiochi su Youtube ma che in occasioni come queste mostra il proprio lato umano. Questo è ciò che rende Twitch così popolare, poter trasmettere senza filtri da parte dello streamer, e poter partecipare ed empatizzare da parte dello spettatore. Certamente le dirette Twitch non sostituiranno mai la vecchia TV, ma è probabile che la cambieranno, sempre di più trasmissioni hanno infatti un apparato social dove vengono letti commenti in diretta. Possiamo quindi dire che le dirette streaming di Twitch rappresentano se non l’interezza del futuro dell’intrattenimento multimediale, almeno una parte sostanziosa. Per quanto riguarda Dario Moccia invece, potrebbe essere considerato in futuro, oltre a uno dei pionieri di Youtube, uno dei principali esponenti di questa nuova forma di intrattenimento digitale.

0 0 vote
Article Rating