Negli ultimi anni stiamo osservando un fenomeno di massa, quello degli e-Sports (Electronic Sports) o letteralmente sport elettronici.
Per molti questo accoppiamento di termini (sport elettronici) può sembrare azzardato, mentre per migliaia di persone questa ormai è diventata una realtà vera e propria,  alternativa a quella degli sport fisici.

In realtà il fenomeno degli e-Sports non nasce solo di recente, ma è sempre stato presente sin dal 1972 ed ha trovato terreno fertile per globalizzarsi solo qualche anno fa grazie alla ricca presenza di piattaforme multimediali.

Con il termine “eSports” o “e-Sports” vengono indicate tutte le competizioni al livello professionale di alcuni videogiochi.

Di solito sono PvP (Player versus Player), ma possono anche  essere PvE (Player versus Enviroment), nelle quali i giocatori si scontrano per totalizzare il miglior punteggio o finire nel minor tempo possibile (speedrun).

Tra gli e-Sports presenti odiernamente vi sono varie categorie di videogiochi come per esempio gli RTS (strategici in tempo reale), gli FPS (sparatutto in tempo reale),gli MMO (Massively multiplayer online), ed anche i MOBA (Multiplayer Online Battle Arena), nei quali centinaia di giocatori provenienti da tutto il mondo, si sfidano al fine di conquistare il titolo di “miglior giocatore” oppure “la migliore squadra”.

Gli e-Sports possono svolgersi online collegandosi tramite una connessione internet ad un apposita piattaforma di gioco ,chiamata server, supportata dalle compagnie del videogame in questione.

Migliaia di giocatori vincono soldi e fama all’interno di competizioni e tornei come per esempio nella WCG (World Cyber Games), nella DH (DreamHack), nella ESWC (Eletronic Sports Word Cup) ed ogni anno vengono organizzati anche dei tornei minori da parte della MLG (Major League Gaming) e dalla ESL (Eletronic Sports League), nelle quali i vincitori ricevono ulteriori premi nel gioco oltre la coppa.

Storicamente, la prima competizione di videogiochi di cui si ha conoscenza fu un piccolo torneo di Spacewar!, che si svolse il 19 ottobre del 1972 presso l’università di Stanford, sponsorizzata dalla Rolling Stone.
A questa competizione parteciparono solo 20 persone, e come premio Rolling Stone offri un abbonamento annuale alla rivista di sua proprietà.

Otto anni dopo la casa videoludica Atari organizzò un torneo di Space Invaders per la console Atari 2600, che durò ben 6 mesi, alla quale parteciparono ben 10 000 giocatori di tutto il mondo.

Successivamente dal 1990 in poi si potè osservare una una vasta crescita di questo fenomeno con l’introdizione degli sponsor, tanto che il primo vero e proprio campionato internazionale al livello professionistico fu la Cyberathlete Professional League nel 1997.

Un altro evento che contribuì in modo significativo allo sviluppo degli    e-Sports fu la vasta disponibilità di nuove piattaforme multimediali, come per esempio Twitch.tv. su cui trasmettere in tempo reale le partite dei giocatori e quindi creare un maggiore intrattenimento per gli spettatori di tutto il mondo. 

Durante il 2020 le competizioni che si sono svolte sono state 5:

  • Il Rainbow Six Siege Invitational.

Il Rainbow Six Siege Invitational è una competizione che si svolge annualmente da 3 anni e nella quale le sedici migliori squadre del mondo si sfidano nell’edizione del torneo più importante dell’intera stagione competitiva del titolo Rainbow Six Siege. Il torneo si svolse dal 7 al 16 Febbraio a Montréal (Francia) e si concluse con la vittoria della Spacestation Gaming con una vincita pari a 1.000.000 $. 

  • L’Intel Extreme Masters di Katowice.

L’Intel Extreme Masters di Katowice si è svolta dal 25 Febbraio all’ 1 Marzo e si sono giocati ben due titoli famosi nella storia dei videogiochi: Counter-Strike e Starcraft II.

Dieci squadre si sono contese il montepremi da 500mila $ sul titolo Counter-Strike, mentre ben settantasei giocatori si sono contesi  400mila $ sul titolo Starcraft II.

La Natus Vincere vinse la competizione sul titolo Counter-Strike, mentre in Starcraft II il titolo di campione se lo è aggiudicato il coreano Rogue del team Jin Air Green Wings.

  • La League Of Legends Worlds

La League of Legends Worlds si è svolta dal 25 Settembre al 31 Ottobre ed ha coinvolto ben ventiquattro squadre provenienti da quattordici nazioni diverse e si sono sfidate sul titolo ormai famoso in tutto il mondo League Of Legends (conosciuto con l’acronimo di LoL) e nella quale il montepremi ammontava a ben 500mila $, vinto dalla squadra DAMWON.

  • La Overwatch League

La Overwatch League si giocò dall’ 8 Febbraio al 23 Agosto sul titolo di grande successo Overwatch che, nello stesso anno di uscita  (2016), si classificò miglior gioco dell’anno. La competizione vide come vincitore la squadra SHOCK la quale prevalse sulla sua degna avversaria, la DYNASTY, guadagnandosi un montepremi pari a  2,5 milioni di dollari circa.

  • L’Evolution Championship Series

L’Evolution Championship Series si giocò dal 24 al 26 Gennaio in Giappone (Tokyo).

Il titolo del torneo è stato il famosissimo picchiaduro Street Fighter V, alla quale parteciparono decine di giocatori e vide come vincitore il giapponese Nauman del team DetonatioN con un montepremi pari a 9mila $.

3.7 10 votes
Article Rating