Per chi non la conoscesse basta pensare alle parole “starships” e “anaconda” per rinfrescarsi un po’ la memoria. Tra hit, come quelle citate, e album che scalano le classifiche, Nicki Minaj ha “dettato legge” nell’ambito musicale del rap femminile fin dai primi anni del 2000 conquistandosi nomignoli come “queen of rap” (che a dirla tutta le calza a pennello).

Onika Tanya Maraj, il suo vero nome, è stata scoperta dal rapper americano Lil Wayne (nel 2004) che le ha dato una mano a farsi strada nel mondo musicale. Nel 2010, dopo essersi iscritta all’etichetta discografica Young Money Entertainment, Cash Money records e Universal Motown, ha pubblicato il suo primo album “Pink Friday” contenente brani di spicco come “superbass”.

Tra scandali e gossip, Nicki è riuscita a raggiungere obbiettivi importanti come la pubblicazione di altri 4 dischi (l’ultimo è uscito nel 2018 e si intitola “Queen“). Grazie ai suoi flow, gli extrabeat e i featuring con artisti di alto calibro come Will.i.am, Taylor Swift, Migos, Little Mix, Ariana grande, usher, Mariah Carey e Cardi B hanno fatto si che guadagnasse milioni di ascoltatori in tutto il mondo diventando così una delle cantanti con più stream del genere rap femminile.

Nicki Minaj ai VMA del 2018

L’8 dicembre avrà 37 anni, ed è stato proprio questo il fattore che ha scaturito nella cantante la voglia di “andare in panchina” e ritirarsi dalla musica per creare una famiglia e vivere felicemente con il suo futuro marito Kenneth Petty.

Nicki Minaj con il suo attuale fidanzato Kenneth Petty

il 5 settembre ha annunciato su twitter la sua decisione e così dopo 15 anni di carriera abbandona i riflettori lasciando dietro di se una grande impronta nella scena del rap americano.