Pubblicità

Dopo 68 anni dal primo film Disney torna sul grande schermo dal 28 marzo l’emozionante storia  dell’elefantino nato con le orecchie troppo grandi e preso in giro da tutti “Dumbo”, con la regia del famoso Tim Burton.

Tim Burton ritorna dopo Frankenweenie e Alice in Wonderland a collaborare con la Disney.

I protagonisti di questo live action sono gli attori  Danny DeVito, Eva Green, Michael Keaton.

Alla famosa cantante italiana Elisa è stato inoltre affidato il compito di cantare la bellissima canzone “Bimbo Mio”, la sua voce nel film verrà affidata a Miss Atlantis (sirena del Circo dei Fratelli Medici).

In questo remake del film il proprietario del circo Max Medici ( Danny DeVito) assume Holt chiedendogli di occuparsi di un elefante appena nato le cui orecchie troppo grandi , lo rendono oggetto di scherno di un circo in difficoltà. Ma quando i figli di Holt scoprono che Dumbo sa volare, l’imprenditore Vandevere (Michael Keaton) e l’artista Colette Marchant (Eva Green) cercano di far diventare l’elefantino una star.

In questa versione gli animali interagiscono con gli umani . “Ci sono dei parallelismi tra la storia di Dumbo e quella delle persone che lo accudiscono – dice Burton – Entrambe le storie approfondiscono il tema della perdita da più punti di vista. Tutto parte della stessa storia, si esplora la famiglia nelle sue forme più tradizionali”.

Il regista Tim Burton inoltre sul red carpet dei David di Donatello spiega il messaggio che ha voluto trasmettere con il suo  film: : “Sii te stesso, il più possibile. Cerca di trasformare quelli che gli altri pensano siano i tuoi difetti. Usali per avere un effetto positivo. Il messaggio di Dumbo è semplicissimo. Prendi i tuoi difetti e usali a tuo vantaggio”. Il messaggio del diverso infatti ha colpito molto Tim Burton.

Il film Dumbo d’altro canto è anche quello in cui Tim Burton si rispecchia di più; infatti dice che è il perfetto simbolo dell’artista strano e incompreso.

Già il trailer molto dolce e emozionante ha catturato l’attenzione di molte persone.