La mattina di Giovedì 9 ottobre è stata inaugurata la terza edizione di FIERA DIDACTA ITALIA, il più importante appuntamento fieristico sul futuro della scuola e della formazione. All’evento, gremito di persone, ha aderito il segretario del Senato della Repubblica Francesco Maria Giro (in rappresentanza della Presidente del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati) il quale si è reso disponibile a partecipare ad una breve intervista del Leomagazine.
Qual è il messaggio da Didacta per gli studenti e gli insegnanti?
La scuola dev’essere una priorità per la politica, infatti è proprio qui che, puntando sull’istruzione e sui giovani, si costruisce il futuro di una comunità civile. Rinunciare a promuovere la scuola equivale a rinunciare a costruire una nazione che si evolve verso il futuro. Inoltre la scuola è promotrice della cultura, quest’ultima è ciò che ci salva e che ci rende protagonisti nella storia.
Esiste un rapporto tra il Senato della Repubblica e la scuola?
Insieme alla Camera dei Deputati, il Senato della Repubblica è il luogo in cui si istituiscono le leggi ponendo al primo posto il cittadino, di conseguenza l’istruzione è sempre un argomento di grande interesse. Tra qualche settimana infatti si affronterà la cosiddetta manovra economica in cui ci occuperemo di scuola ma anche di sanità e lavoro.
Qual è la sua visione riguardo la scuola futura e la digitalizzazione?
Credo molto nell’innovazione tecnologica ma sostengo anche che studiare e informarsi tramite il libro cartaceo è fondamentale. La digitalizzazione non deve soppiantare il nostro patrimonio archivistico e le biblioteche, inviterei quindi i giovani ad essere sempre aggiornati riguardo gli ultimi progessi teconologici ma a non abbandonare ciò che ci appartiene da secoli, ovvero il libro cartaceo.